Descrittori di Valutazione delle Discipline

Qui troverete i Descrittori di Valutazione delle Discipline, relativi alla Scuola Primaria divisi per disciplina

divisori_009

Qui troverete i Descrittori di Valutazione delle Discipline, relativi alla Scuola Secondaria di Primo grado, divisi per disciplina

Settimana dell’Autismo

Scuola primaria Carducci: I nostri Lavori

 titolo tutti 2018-04-04-photo-00001474
cinque due  volo
 fiore8  fiore5jpg fiore7

Manuale di soccorso persone con disabilità, nello specifico con autismo.

soccorso-autismo

Manuale del soccorritore

Accesso, usi, rischi e opportunità di internet per i ragazzi italiani

I ragazzi e la rete

Accesso, usi, rischi e opportunità di internet per i ragazzi

 

Prevenzione cyberbullismo: quello che ogni genitore deve sapere

La rete, uno spazio per scrivere insieme una nuova grammatica delle relazioni.

A cura di Telefono Azzurro

Ebook Il nostro posto nella rete

telazzp

Scuola Primaria Assegnazione insegnanti

Assegnazioni insegnanti Scuola Primaria

Valorizzazione della professionalità docente

Premessa

Il Comitato di valutazione designato ai sensi della L. 107/2015, nella definizione dei criteri per la valorizzazione della professionalità docente, ha elaborato una serie di descrizioni di attività ritenute pertinenti alle aree individuate dalla medesima L. 107 ai fini della premialità.

Il testo della L. 107, al c. 129 recita:

Il comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti sulla base:

  1. della qualità dell’insegnamento e del contributo al miglioramento dell’istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti;
  2. dei risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell’innovazione didattica e metodologica, nonché della collaborazione alla ricerca didattica,alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche;
  3. delle responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale.

Il comitato di valutazione ha individuato un certo numero di attività connesse a ciascuna area elencata nel dettato normativo: esse costituiscono dei “descrittori” di buone pratiche, utili per la valutazione dei vari profili professionali affidata al dirigente scolastico dal comma 127 della medesima legge.

Lungi dal ritenere esaustivo il panorama di attività elencate, il Comitato ha ritenuto di dedicare la sezione conclusiva di ciascuna area alla libera indicazione di “altre” attività svolte nel corso dell’anno, ritenute dal docente congruenti con l’area di riferimento e per le quali sia in grado di riferire adeguata evidenza documentale.

 

Qualità dell’insegnamento e apprezzamento dell’utenza

Il Comitato di valutazione ha ritenuto che per la determinazione della “qualità” dell’insegnamento non fosse ininfluente il parere dell’utenza. Allo scopo è stato predisposto un apposito spazio nel registro elettronico attraverso il quale i genitori sono invitati a segnalare il nominativo dei docenti del proprio figlio/a la cui attività professionale sia stata apprezzata per:

  • capacità di relazionarsi efficacemente con alunni e famiglie
  • capacità di trasmettere contenuti e suscitare interesse
  • autorevolezza nella gestione della classe
  • equilibrio nella valorizzazione degli apprendimenti

Nella pagina viene indicato chiaramente che la segnalazione può basarsi su uno o più elementi tra quelli riportati sopra; che l’ordine con il quale i docenti vengono segnalati non costituisce graduatoria di “preferenza”; che il numero di docenti da segnalare è del tutto libero (da zero a tutti gli insegnanti della classe), e può avvenire solo in positivo.

 

Formazione e aggiornamento personale

Per quanto riguarda l’attività di formazione e aggiornamento personale, pur risultando in sé e per sé di difficile collocazione all’interno delle aree così come esplicitate dalla norma, il Comitato di valutazione ha concordato sulla necessità di inserire la relativa voce tra quelle che “migliorano” il profilo professionale del docente, distinguendo tra attività di formazione in presenza e attività di formazione a distanza, e riconoscendo sia l’attività di aggiornamento effettuata nel corrente anno scolastico, sia quella svolta nell’anno scolastico precedente. Le sezioni del form riguardanti l’aggiornamento e la formazione personale sono state collocate nell’area B (Potenziamento della collaborazione alla ricerca didattica): sono le sezioni B4.1.1 e B4.1.2.

 

Compilazione della Scheda personale

Tutti i docenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato sono invitati a compilare la Scheda personale presente al seguente link:

https://docs.google.com/forms/d/1-D6UDqSqpmfb3eToc_C-PR7RkcTjMu9Iuoz_YggHuEA/viewform

Essa si compone delle seguenti sezioni:

Area A: A2.1 – A2.2 – A2.3 – A3.1 – A3.2 – A4
Area B: B1.1 – B1.2 – B1.3 – B2.1 – B2.2 – B.3 – B4.1.1 – B4.1.2 – B5
Area C: C1.1 – C1.2 – C1.3 – C2.1 – C2.2 – C3

Ciascuna sezione descrive un’attività: il docente cha ha effettuato nel corrente anno scolastico l’attività descritta nella sezione è chiamato a indicare a quale livello l’ha svolta (A M B: la legenda è presente nel form in tutte le sezioni).

Se l’insegnante non ha effettuato alcuna attività relativa a quella sezione non deve compilare nulla e deve passare alla sezione successiva.

 

La parte Documentazione di ogni sezione deve essere compilata (con testo libero) dal docente che si è assegnato per quell’attività uno dei tre livelli predefiniti.

La compilazione prevede l’indicazione dei documenti che possono comprovare l’effettuazione dell’attività descritta (alcuni suggerimenti sono riportati nel form): l’effettiva ed eventuale presentazione di documenti non in possesso della scuola sarà richiesta, se necessario, in un secondo momento.

Il dirigente scolastico, in base alla documentazione indicata, potrà validare o meno il livello di autovalutazione proposto.

 

Accesso al bonus

La somma a disposizione della scuola sarà assegnata a un numero di docenti compreso tra il dieci e il trenta per cento del personale a tempo indeterminato.

Condizione necessaria per accedere al bonus è la validazione di almeno un’attività a livello A, con esclusione delle attività di aggiornamento e formazione di cui alle sezioni B4.1.1 e B4.1.2, che tuttavia contribuiranno nella stessa misura delle altre attività alla definizione della graduatoria generale di merito.

In relazione alle segnalazioni delle famiglie si assegnerà il livello B per l’apprezzamento espresso fino al 30% dei genitori, il livello M per l’apprezzamento espresso da una percentuale di famiglie compresa tra il 31 e il 60 per cento, il livello A per percentuali di segnalazioni superiori al 60%.

Il dirigente scolastico, sentito il Comitato di valutazione, assegnerà uno stesso punteggio per ogni livello B, per ogni livello M e per ogni liuvello A validato nelle varie sezioni: la somma dei vari punteggi determinerà la posizione in graduatoria.

Potranno essere assegnate quote uguali o diverse (massimo tre) in relazione all’omogeneità o diversità dei profili di merito emergenti.